Agni Yoga | Serie dell’Agni Yoga | l’Insegnamento dell’Etica Vivente fascino di cane pandora

Agni Yoga

1929

Traduzione dall’inglese, il cui copyright © è detenuto dalla
Agni Yoga Society, Inc., 319 W 107th St, New York NY 10025, USA

Pubblicato da Casa Editrice Nuova Era, Città della Pieve (PG),
con l’autorizzazione della Agni Yoga Society, Inc.
Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta in qualsiasi
modo e in qualunque altra lingua senza l’autorizzazione scritta
rilasciata dall’Agni Yoga Society, Inc., detentrice del copyright.
Tutti i diritti riservati.

Prima edizione italiana: 1987
Prima ristampa 2006
Seconda ristampa 2011
Terza ristampa 2017

Il Maestro Benedetto che diede i libri Appello, Illuminazione e Comunità impartì anche molti consigli, e i Segni dell’Agni Yoga. Questi insegnamenti pratici sono stati raccolti da noi per chi cerca conoscenza.

Il Sanscrito e il Senzar danno all’esposizione un aroma particolare, che non sempre trovano un esatto equivalente in altre lingue. Ma il senso è stato preservato intatto. E chi vive la vita odierna legga con attenzione questo Insegnamento saggio, che emana da un’esperienza pluricentenaria.

PREFAZIONE

Lo Yoga - arco supremo verso conquiste cosmiche - è sempre esistito, in ogni età. Ogni Insegnamento ha il suo Yoga, adatto a quella fase dell’evoluzione. L’uno non contraddice l’altro. Si allargano come rami di uno stesso albero a gettare ombra e frescura sul viandante esausto.

Ripreso forza, questi poi si rimette in marcia. Nulla ricevette che non fosse suo; né deviò dalla meta. Accolse la benevolenza manifestata dallo spazio; liberò le forze preordinate. Si impadronì della sola cosa che gli appartiene.

Non ripudiate le forze dello Yoga, ma usatele come una luce nel crepuscolo del lavoro incompiuto. Per il futuro, ci destiamo dal sonno. Per il futuro, ci prepariamo abiti nuovi. Per il futuro, lottiamo con tutte le forze del pensiero. Per il futuro, ci irrobustiamo.

Applicheremo dapprima i consigli di vita. Poi diremo il nome dello Yoga del tempo che si approssima. Udremo l’incedere del Fuoco, ma saremo pronti a dominare le ondulazioni della fiamma. Salutiamo dunque l’antichissimo Raja Yoga. E affermiamo quello futuro: l’Agni Yoga.

divider

1 - Si domanderà: “Il tempo di Maitreya saprà creare un’epoca?”.

Rispondete: “Se le Crociate l’hanno fatto, l’Epoca di Maitreya è mille volte più importante”. In tale coscienza bisogna penetrare.

2 - Molti non capiscono il significato di Dio e di Bodhisattva. Domandano, come i ciechi: “Cos’è la luce?”. Ma non hanno parole per descriverne le proprietà anche se la vedono ogni giorno.

Tanto diffidano dell’insolito che confondono i limiti di luce e tenebra. È per loro molto più facile concepire la reggia di Dio sulla stella più grande. Altrimenti il loro Dio non avrebbe fissa dimora. L’assenza di commensura li porta a svilire ciò che esiste.

3 - Sovente vi stupite perché non rispondo a una domanda. Dovete sapere che sovente le frecce del pensiero scalfiscono la risposta. Figuratevi un uomo che attraversa un burrone su una corda. Sarebbe saggio chiamarlo? Si insidierebbe il suo equilibrio. È dunque bene pronunziare i nomi con parsimonia, solo in caso di urgenza. È certo necessario saperli usare. Ma la loro pronuncia dovrebbe essere come un colpo di martello nello spazio.

4 - A proposito di parole semplici per i semplici, ricordate che a questi bastano piccole dosi medicinali. La Legge è identica: come in alto, così in basso. Quindi, i semplici sono i seminatori migliori.

5 - Il gonfiarsi dei vasi sanguigni è caratteristico dello sviluppo della coscienza, e questo processo deve essere protetto tecnicamente dagli effetti della pressione esercitata dal sole sul plesso solare. Non dimenticate che le antiche sacerdotesse erano protette dai raggi del sole. Indossavano pettorali di litio spalmati di cera, che sciogliendosi segnalava la temperatura pericolosa.

Oltre le mani, sta bene immergere anche i piedi nell’acqua. I bagni freddi possono nuocere quanto i raggi del sole.

6 - È possibile visitare altri pianeti nel corpo mentale. Così si configura quella fase futura, allorché la coscienza non sarà confinata a un solo pianeta. Oggi si passa dall’una all’altra parte del mondo, ma lo stesso principio è valido per le traversate interplanetarie.

Il Maestro vuole che vi rallegriate per ogni vittoria dello spirito. Conoscere le vie fra i pianeti non è più complesso che conoscere i limiti fra il corpo fisico e l’astrale; e realizzarle non è più difficile che pensare e tendere alle stelle. Solo volgendosi con ogni forza all’interplanetario si può assicurare l’evoluzione umana.

7 - La solidificazione del corpo astrale è irrilevante in sé, se paragonata all’opera cosciente del corpo mentale. Per i suoi compiti su questo pianeta, il corpo mentale non deve essere liberato dalle sue protezioni. Ma l’attività interplanetaria richiede il più elevato fra i corpi.

L’affermarsi di nuovi raggi consentirà di ritenere la coscienza in strati eterici diversi. Finora solo certe zone dell’atmosfera lo permettevano, ma certe correnti gassose potevano intercettarla. I nuovi raggi vi penetrano, formando dei canali aerei, per così dire, e quindi dilatando l’attività cosciente.

8 - Si può capire perché i Maestri di Conoscenza tanto soffrirono separandosi dalla Terra. Il Loro fu naturalmente un dolore cosciente e volontario.

Come l’ospite riempie la coppa fino all’orlo, così il Maestro vuole lasciare quell’ultimo segno della Sua Alleanza.

L’avvelenamento evitò che il Buddha venisse deificato. La passione e la resurrezione del Cristo - il disintegrarsi della materia - segnarono il massimo livello conseguito in Terra.

Le calunnie del vecchio mondo non hanno alcun valore. Ogni vittoria autentica è necessaria per il Cosmo. Ogni conquista è un processo creativo come qualsiasi altro. Aumentando la profondità della forma si crea un cristallo senza tempo. Il senso della perfezione eleva lo spirito delle espressioni creative. Il Cristo, quale realista, volle che la disintegrazione fosse preceduta da una vittoria, ottenuta in piena coscienza.

Il conseguimento ha due aspetti, che si possono illustrare: uno è sopramondano, l’altro terreno. Quale esempio del primo, pensate al trapasso sereno del grande P. Ma non giudicate i conseguimenti, poiché la comprensione dell’evoluzione è individuale e volontaria.

9 - Chiunque sia capace di vedere le aure umane riferisce di un vivido gioco di emissioni luminose. Il piano dell’atto razionale si regge sul principio di questo flusso cosmico. Ogni evidenza di atrofia è connessa ai prodotti delle tenebre. Dove esistono onde di luce, dove le scintille vitali agiscono e reagiscono fra loro, il Nostro Raggio è presente.

Il Mio Insegnamento può dischiudere le onde reattive dell’Akasha. Accettate la gioia delle scintille.

Non è una variazione, ma un intensificarsi del compito. Solo interpretando il Nostro Volere potrete accostarvi a Noi. Io voglio preservare la bellezza dello spirito.

Si può trasformare ogni moto in una vittoria spirituale.

10 - Quand’è solo, quando sdegna le ricchezze, senza angustia, senza recriminare il proprio fato: solo allora l’audace esulta.

Così iniziamo a tradurre l’Antico Libro dell’Audacia. Quando il bimbo gioca con un cucciolo, la madre è contenta del suo coraggio, restia ad ammettere che il cucciolo è ancora cieco. Quando un giovane gioca con l’anima di un compagno, gli astanti sono colpiti dalla sua audacia, e non vedono le catene di quell’anima infelice. Quando un uomo denuncia un consesso di giudici, i presenti ne ammirano il coraggio, perché non sanno che l’audacia della sua accusa è stata comprata con moneta sonante. Quando un vecchio si consola sprezzando la morte, gli amici se ne compiacciono, e non si avvedono che quella maschera di derisione è modellata dalla paura.

L’audacia di norma passa inosservata perché la sua sostanza è inconsueta. L’insolito è come un colpo per il cuore. Dove sei dunque, o vincitore? Dove sei, tu che hai trasformato il terrore in un balzo verso la luce? Ascolta, tu che osi! A notte alta verrò a benedire i tuoi sandali. Spargerò sul tuo guanciale scintille luminose. Poiché il sonno dell’audace è come l’intenerirsi del liuto, quando le sette corde s’immergono nel mistero. Il sonno dell’audace è come la calma che precede la bufera, quando non muove foglia, né filo d’erba.

Il ruggito del leone fa tremare i mondi? No. Evoca il coraggio e schiude il loto regale dello spirito. Fratelli, aduniamoci nell’aula della gioia! Il fiore è sbocciato; la grande ruota si solleva. La Nostra Gioia scende agli inferi e sale ai Fratelli dei mondi superiori.

Noi dedichiamo all’audacia i canti più belli.

11 - Il canto degli uccelli ha interrotto il riposo. Perché di primo mattino sono così tesi? Osano, poiché hanno sentito lodare l’audacia. Ma nessuno ha detto loro che l’abituale cinguettio non basta a esaltare il loro coraggio. La tenebra stride e assorda con la sua monotonia. Non può sopportare l’ardimento della luce.

Quando la bilancia del Reggitore sarà in pari, ci leveremo presto per pesare le azioni del giorno prima. Sceglieremo le più intrepide, poiché quei semi la facciano traboccare. Aggiungeremo il dolore del vecchio mondo, poiché il suo peso ci serve. E la derisione dell’ignoranza: tutte cose che rendono più grave la parte della verità. E se troveremo minacce e ingiurie non trascureremo di aggiungerle al piatto ricolmo. Perché la bilancia oscilla? Cosa sta nel piatto dell’accusa? Quali foschi, miserandi cenci l’hanno riempito? Le solite maledizioni si sono ammucchiate, come le foglie secche dell’altr’anno, le scorie di ieri.

Vittoria a voi, atti coraggiosi! Il grande alato ha sconfitto le accuse.

Signore, accordami di gettare alle fiamme gli stracci ingannevoli della consuetudine. Sono certo che le ali del coraggio sono benedette da Te. Forgerò nella fornace sacra le ali di Alaya. Non conosco lamenti, né crudeltà, né altro che possa piegare le mie nuove ali. Il mio canto sarà nuovo!

12 - L’elogio del coraggio si propagò lontano. Gli ultimi discepoli marciarono sul sentiero della ricerca e vennero a Noi, chiedendoCi di giudicare i loro propositi. Ciascuno portò i suoi sogni... “Distruggerò tutti i templi, perché il vero non tollera pareti”... “Irrigherò tutti i deserti”... “Aprirò le prigioni”... “Distruggerò tutte le spade”... “Traccerò tutti i sentieri”... “Asciugherò tutte le lacrime”... “Viaggerò per tutti i paesi”... “Scolpirò il libro dell’umanità”...

Ma l’ultimo disse, rivolto alle stelle lucenti: “Salute a voi, fratelli!”. E in quell’intrepido saluto il suo ego disparve.

Professate la via dell’universo con questo atto di coraggio!

13 - L’opera di Tommaso da Kempis, L’imitazione di Cristo, è da gran tempo apprezzata in Oriente, non solo per il contenuto, ma per lo stesso significato del titolo. Nel bel mezzo dell’idolatria medioevale per il Cristo, la voce di Tommaso da Kempis si levò in protesta. Dal chiuso di un monastero cattolico essa chiarì l’immagine del Grande Maestro. La parola stessa, “imitazione”, connota un’azione vitale. La formula: imitare il Cristo, è un atto del coraggio innato nello spirito cosciente, che accetta la piena responsabilità di creare. Ecco, il discepolo, di proposito, osa avvicinarsi al Maestro per imitarLo. Un simile esempio versò luce nel folto delle tenebre, e dalla clausura scaturì l’impeto verso il coraggio creativo.

Sarebbe stato consono all’abbietta coscienza medioevale dire: “Il Culto del Cristo”. Ma lo spirito ascendente osò fare appello all’imitazione.

Ogni passo di sacro coraggio deve essere onorato come una pietra miliare sul cammino dell’umanità. Noi non prestiamo attenzione a certe espressioni monastiche. Tommaso non ebbe bisogno di salire sul rogo. Aveva il compito di proclamare non la formula che proibisce, ma quella che evoca. Due sono le forme della verità. L’una trae alimento dalle fiamme del rogo. L’altra esige di propagarsi senza limiti. È difficile dire quale delle due sia più penosa per l’autore. Talvolta è più facile anestetizzare l’azione del fuoco che assistere alla distorsione dell’Insegnamento. In entrambi i casi, benedetto l’audace che penetra nelle tenebre.

14 - Il mondo ha smarrito la felicità, perché questa è dello spirito. Chi si è allontanato dallo spirito deve essere infelice, perché, altrimenti, come tornerebbe? In ciò sta il senso di grandi eventi.

Cercare la felicità con la menzogna e il delitto! Ci consola pensare che la degenerazione affretta l’evoluzione. I delitti alimentano le fiamme che bruciano il mondo defunto.

15 - Il veleno prodotto dall’irritazione è chiamato “imperil”: pericolo perentorio. Esso è del tutto reale: precipita sulle pareti dei vasi nervosi e quindi si diffonde in tutto l’organismo.

Se la scienza moderna si desse la pena di esaminare obiettivamente i canali nervosi, tenendo conto delle correnti astrali, scoprirebbe che la sostanza astrale si decompone stranamente mentre li percorre: è la reazione all’imperil. Solo il riposo aiuta il sistema nervoso a liberarsi di quel nemico potente che richiama le irritazioni più diverse e penose contrazioni dell’organismo.

Chi è affetto dall’imperil deve ripetersi: “Tutte le cose sono belle”. E farà bene, poiché il flusso dell’evoluzione è razionale: in altre parole, è bello. Quanto più sottile è il sistema nervoso, tanto più dolorosa è la precipitazione dell’imperil. Questo veleno, con l’aggiunta di un solo ingrediente, sarebbe in grado di dissolvere la materia.

16 - Non è certo bravo chi non distingue una rondine da un avvoltoio. Ma che valore ha chi crede che spiumando un’aquila se ne possa fare un’oca? Attenti agli ipocriti, specialmente quelli affondati nell’avidità: quegli astuti che annacquano la bevanda dello spirito. L’inviolabilità delle leggi del mondo brilla come una spada. L’ipocrita non ha dunque dove posare il capo. Così, il maestro che non abbia ancora assimilato del tutto i precetti dell’Insegnamento è come un somaro carico di grano. Del pari il pescatore che appronta i canestri per il pesce ancora da prendere è come la volpe dinnanzi alla stia dei polli.

17 - Un colpo vibrato all’Insegnamento è come un “boomerang”, che colpisce chi l’ha lanciato. L’aria è vibrante di frecce.

Asciugatevi il sudore dopo l’attacco del nemico. Nell’ora dell’assalto parlerò di cose eterne. Rallegriamoci, perché le possibilità si moltiplicano. Vedo che ogni cuore ostile alimenta un utile germe.

18 - L’astrochimica permette di stabilire gli effetti migliori su determinati organismi. L’astrologia non è altro che un insieme di formule astrochimiche. Chi esce da un ambiente permeato di nicotina porta con sé particelle velenose. Del pari chi ha sperimentato direttamente su se stesso l’azione di raggi astrochimici reagisce poi sempre a una combinazione definita. È facile accertare quando occorre accostarsi a una degna persona. Le cosiddette macchie solari intensificano le reazioni chimiche. Si continua a ripetere che il mondo è inquieto quando sono attive; persino una debole percezione conduce a deduzioni corrette. Ma se pensiamo alle grandi reazioni chimiche, non ci sarà difficile capire che lo spazio è saturo dei composti più attivi, ossidi, metalloidi. Come negare alla leggera il potere evolutivo della materia, se dalla Riserva Inesauribile ci piovono sul capo raggi d’immensa potenza?

Organismi specialmente sensibili testimoniano che, quando le macchie solari sono massime, i raggi di quel luminare, per la loro sostanza, sono per essi insopportabili. Anche durante la caduta di grandi meteoriti si può percepire un fremito del sistema nervoso. Finora gli uomini sono stati incapaci di capire qual è il loro posto in questo laboratorio monumentale. Ciò sarebbe bastato per armare il loro organismo e, anziché seguire con ansia il sussulto del sismografo, essi avrebbero diretto la ricerca verso le Altezze infinite, materiali come il pasto di domani, maestose come le miriadi di stelle.

19 - Fra tutte le energie creative, il pensiero è supremo. Quale ne è il cristallo? Qualcuno crederà che la corona del pensiero sia la scienza esatta; ma è più giusto dire che lo è la leggenda. La leggenda esprime il senso dell’energia creativa. In una breve formula definisce la speranza e la vittoria. È errato credere che essa sia frutto dell’antichità fantastica. La mente imparziale discerne la leggenda che s’intesse per tutti i giorni dell’Universo. Ogni conquista umana, ogni condottiero, ogni scoperta, ogni cataclisma sono velati nei suoi racconti ispirati. Non sdegniamo dunque le leggende della verità, e impariamo a discernere con acume e ad amare le parole della realtà. La leggenda ammanta la volontà del popolo, e non sapremmo citarne una sola che sia falsa. La lotta spirituale di una comunità forte stampa un’immagine di genuino significato. E la forma esteriore del simbolo mostra il segno del mondo, poiché il linguaggio universale è inevitabile per l’evoluzione. Fa bene chi cerca una lingua universale. Fa bene chi crea una leggenda mondiale. Tre volte giusti i portatori di vittoria!

20 - Il nuovo deve essere concepito come un servizio indifferibile. Ogni astrazione inapplicabile non ha motivo di esistere. Siamo stufi di castelli in aria. Anche i mondi lontani sono da intendere come concreti. La coscienza deve essere esplorata a fondo, come si fa per un blocco di ghiaccio o per il calore chimico del sole, e lo stesso valga per il significato dei più minuti prodotti della materia. Il ritardo della realizzazione spirituale si spiega con l’indifferenza per le manifestazioni naturali. Se si perde la facoltà di osservare, si perde la capacità di sintesi.

Quando la moneta sarà abolita, l’umanità si troverà libera dagli impedimenti che limitano la sua visione. In certe fasi dell’evoluzione le mura erette dall’accumularsi dei segni convenzionali diventano ostacoli. È giunta l’ora di emancipare la conoscenza, sotto personale responsabilità di chi ne fa uso.

Una mente libera ha il privilegio di cercare nuovi disegni per combinazioni insolite. Questi fili ancora ignorati la conducono agli strati sublimi della materia. Quando il gioco è povero e ristretto è consigliabile rimescolare i segni in cerca di combinazioni migliori.

Rallegratevi nel Grande Gioco della Madre del Mondo!

21 - È giusto considerare la calunnia come fenomeno storico. Essa è il combustibile per i fuochi della vittoria. La calunnia disturba solo gli atti convenzionali contemporanei, ma nella prospettiva della storia le sue fiamme prendono i colori più accesi e svariati, e senza di essa l’umanità riconoscente avrebbe sepolto le manifestazioni più importanti.

La “Tactica Adversa” impedisce che le campane dell’uomo siano ridotte al silenzio. Alla musica delle sfere occorre un accompagnamento, ma coloro che l’invidia rende furiosi credono di addensare l’atmosfera con i loro urli, sì che le sinfonie dell’Eternità non giungano alla Terra. Ma il buon massaro impiega anche i rifiuti. Lasciate quindi che le torce della calunnia rischiarino la via della vittoria inflessibile.

Quando chiamano ciarlatani i Nostri inviati, gli uomini ne attestano l’originalità. Le carezze degli animali inferiori sono grossolane. E la brutalità dei residui della razza umana che se ne va è ora anche maggiore che nel medioevo. Non è tanto la villania quanto la grossolanità di ricezione che squalifica le masse umane. È proprio questa la causa della leggerezza mentale e della sua progenie: il tradimento.

Diciamo dunque che le calunnie sono le torce dei selvaggi. Ma nei viaggi notturni tutti i fuochi possono servire!

22 - Non c’è giudizio più falso di quello che si basa sull’azione apparente. Gli uomini s’interessano all’effetto evidente e smarriscono il filo della realtà. Di solito chiamano sogni quegli insegnamenti che portano a una fonte di realtà.

La vita non ostenta i germi del concepimento, ma rivela chiarissima la decomposizione. Si può così essere del tutto sprofondati nella putredine e non notare i valori della concezione. A bella posta questa procede nascosta; in caso contrario gli elementi avrebbero distrutto i semi delle possibilità. L’inerzia è una loro proprietà essenziale e, per iniettare in essi l’energia evolutiva, occorre un impulso dello spirito che contenga pensiero. In tal modo il pensiero appare come ciò che corrisponde agli elementi.

Allorché si esorta a fortificare l’apparato pensante, si pone in guardia contro l’assalto scatenato degli elementi. I periodi prescritti di esistenza planetaria sono soggetti ai loro attacchi. L’unica forma di resistenza è lo sforzo tenace di rigenerare la vita. Questa pregnanza di pensiero consente di concentrarsi sull’Insegnamento e, come spada tagliente, squarcia le nubi di caos non rappreso. Il pensiero resiste agli elementi; se così non fosse l’equilibrio sarebbe talmente scosso che ne nascerebbero manifestazioni cosmiche. Gli anni di carestia, di siccità, di malattia non sono causati dal degenerarsi del pensiero? I pensieri di un solo uomo non bastano a fermare gli elementi. La consapevolezza del nuovo orientamento non sa ancora formulare un pensiero responsabile. Solo la conoscenza e la responsabilità iniettano potenza nel pensiero. In caso contrario si ha tensione senza realizzazione, come vele gonfie di tempesta.

Noi sentiamo molta tensione nelle onde magnetiche e nei raggi chimici. Il pensiero umano si è piegato come una lama non temprata. Il Caos ribolle negli abissi della coscienza.

Si può resistere? L’idea del Nostro Faro comincia a penetrare nelle menti. Poiché gradualmente non resta altro, nel vortice del Caos. Com’è penoso, per lo spirito sensibile! Che ondate di tenebra, grandi come mai prima, Noi vediamo! Il cuore può resistere solo a una piccola dose di quel veleno elementale.

23 - Cosa ha sospinto i veleni verso le sfere terrene? Quando gli elementi esplodono, nasce un gas velenosissimo. Di solito lo spazio lo assimila senza danno, ma i raggi chimici del sole ora ne sospingono le onde verso strati prossimi alla Terra. Ne risulta una reazione pericolosa, ma chi è avvisato può scansarla. L’irritazione e la sua progenie, l’imperil, si combinano facilmente con il veleno dello spazio, che è chiamato “aeroperil”. Le leggi sono identiche in tutte le cose.

Il Maestro a volte usa una maschera per proteggersi dal gas. Naturalmente l’azione del veleno non è la stessa in tutti i casi, ma gli apparati sensibili lo rivelano con prontezza. Il freddo ne riduce di molto l’azione.

24 - Qualcuno probabilmente non vorrà saperne di profezie, e dirà: “Posso ammettere qualunque cosa, ma non le profezie”. Rispondete: “Non usiamo questo termine, allora. Forse quest’altro: ‘I decreti del Governo Invisibile’ è migliore per te”.

Il tuo cuore moderno preferisce espressioni moderne.

Noi non insistiamo sulle parole. È più essenziale per Noi che tu sperimenti gli effetti di quei decreti e che il tuo cervello ricordi che quel Governo Invisibile, Internazionale, esiste. Profezia è parola che suona poco scientifica nel tuo dizionario; ma la consuetudine servile ti aiuterà a capire il vero significato di decreto; e la tua mentalità da cospiratore ti farà ammettere l’esistenza di un Governo Invisibile. Inoltre, il coincidere di fatto ed effetto susciterà il tuo rispetto.

“Noi non giochiamo con le parole, ma sappiamo concludere bene le azioni. È tempo di sostituire le espressioni bibliche con una comprensione esatta. Un talismano nella tasca non serve gran che a quel Governo. Quel che occorre è la devozione comprovata dal comportamento responsabile. Hai creduto di batterCi sul terreno dei termini; ma hai evocato un decreto, i cui effetti raccomandiamo alla tua attenzione. Custodisci parole e pensieri. Noi apprezziamo il coraggio; ma il Governo disdegna l’astuzia del mediocre”.

25 - In qualsiasi esperimento chimico sopraggiunge un momento di reazione favorevole, dopo di che la sostanza comincia a dissolversi: è il momento del successo creativo. Così dal declino di Roma non si deve inferire il fallimento di Numa Pompilio. Semplicemente, l’essenza ha perso gli elettroni. Così sarà sempre di ogni processo evolutivo. Di solito gli uomini non sanno distinguere l’istante favorevole. Pensano che la struttura cresca di continuo, nonostante tutte le leggi della costruzione.

Non è esatto pensare che l’esperimento condotto in passato dal Mio Amico sia fallito. Le fasi della nuova coscienza sono solidamente costruite, ed è ben riuscito anche il sentiero che Noi ora osserviamo. Dove la folla non vede che ciarlatani, accostatevi con attenzione. Ricordate che il Buddha e il Cristo furono entrambi insigniti di quel titolo.

26 - Sovente domandate come si concilia il precetto della gioia con i rapporti umani, che ne sono privi. Invero, tutti i Maestri gioiscono per la bellezza infinita dei mondi lontani e patiscono per l’ottusa stupidità dei bipedi incarnati. Come dar loro la chiave di quei mondi? Oltre il cumulo massiccio di stupidità essi devono ancora traversare il fango velenoso del dubbio e l’orrore dell’orgoglio. Poi un grande tronco li colpirà fra capo e collo, e rotolando giù per le scale quelle lumache penseranno ancora di afferrarsi all’ultimo gradino. Da questo spirito umano tentennante si potrebbero trarre giochi educativi per i bimbi. In verità le lumache aderiscono meglio alle loro conchiglie. Inoltre, non si fanno guerra.

27 - Non avere patria è attributo necessario del Maestro. Egli ha un luogo ove abita, ma non una patria.

Scende nelle cose della vita, ma non cede alle convenzioni. Abbellisce una discussione, ma non la prolunga. Compassiona, ma senza lamenti. Difende, ma senza gesticolare. Afferma, ma non Si lascia confondere. Preavverte, ma non rimanda. Se necessario colpisce, ma sempre senza ferire. È grato, ma non dimentica. Vaglia i moventi, ma non ha debolezze. Custodisce con cura, ma senza opprimere. Non teme, senza essere spavaldo. E dunque amate il Maestro, Che si rivela perché cresca in voi lo spirito. E lo spirito deve essere nutrito coscientemente.

28 - Non si può considerare l’Hatha Yoga come uno Yoga a sé stante. Lo spirito, crescendo, lo muta nel Raja. È impossibile nominare un solo uomo che sia giunto alla meta per mezzo del solo Hatha Yoga. Nel mondo astrale, inoltre, le conquiste così ottenute possono anche essere nocive, poiché insistono in modo speciale sul corpo astrale. I fachiri riescono ad adattarvisi, ma senza volere indeboliscono l’ascesa del pensiero. Persino chi medita immobile può andare più lontano, perché il pensiero è Signore di tutto ciò che esiste. Folgorando, genera la bellezza. Certo un ardente Bhakti Yogi può accendere nuovi mondi con un pensiero. Ma i progressi di un Jnana Yogi non sono che il sorriso di un Raja-Bhakti. Dunque l’Hatha e l’Jnana Yoga non sono autosufficienti. Quale saggio non vorrebbe essere il Signore dell’amore?

29 - Fate del Nostro Insegnamento la vostra cittadella. Lasciate che l’alito della rigenerazione pervada tutto l’essere vostro. L’importanza della Comunità sta tutta nella singola concezione dello sviluppo del mondo. Persino la distribuzione dei minori benefici materiali discende dalla comprensione di quell’altissimo concetto. Ma i pensieri che li riguardano non hanno importanza. Anche quelli che concernono la quantità sono pensieri da scartare, per tendere decisamente solo alla qualità. Il valore della qualità e il demerito del dubbio devono essere insegnati di continuo.

30 - Quando uno dei Nostri collaboratori ebbe terminato un complesso esperimento chimico, gravido di responsabilità, un bimbo esclamò: “Come giocava con quei vetri!”. Quando vediamo un uomo che scala una montagna, diremmo che corre dal Maestro? Quando osserviamo il taglialegna al lavoro, sappiamo quale trave della casa vuole rinforzare? Quando incontriamo una donna con una brocca, sappiamo chi vuole dissetare? Quando vediamo una porta chiusa, sappiamo chi l’aprirà per primo? Quando udiamo un tuono improvviso, sappiamo dove è caduta la folgore?

Ma gli uomini sono certi che chi si curva sta cogliendo un sasso per uccidere. Sanno che chi sprona il cavallo corre a calunniare. Sanno che chi protesta mente. Sanno che chi offre la mano vuol tradire. Giudicano ogni mossa da ciò che pensano. O miseri! Chi vi ha inflitto la maledizione del sé? Dove trovaste il pregiudizio della vostra decisione? In quale crocevia udiste gridare le calunnie? Un semplice saluto vi sembra una condanna. Voi sperate che i monti sopportino le minacce e che il tradimento non prosciughi il mare. L’Uraeus della conoscenza non è ancora forgiato!

31 - Bisogna distinguere fra sdegno dello spirito e irritazione. Il fuoco di quest’ultima è di due specie. Quando è di natura impersonale e cosmica, il suo veleno può essere rimosso con una corrente di prana. Ma se l’orgoglio o la pietà di sé l’intensificano, quel veleno precipita un sedime nei centri. E allora non c’è mezzo di espellerlo; lo si può eliminare solo mediante la percezione cosmica.

Si deve capire che la qualità del pensiero ha proprietà terapeutiche. La gratitudine, del pari, è il miglior purificante dell’organismo. Chi ha trovato il seme e compresa la cura premurosa di chi l’ha inviato, può emettere gratitudine nello spazio. Grande è il suo potere curativo. Qualsiasi astrazione deve essere trasformata in una realtà.

32 - Il Governo Internazionale non si è mai smentito. Ha proclamata la propria esistenza non con manifesti, ma con azioni note persino alla storia ufficiale. Si possono citare eventi delle rivoluzioni francese e russa, e vicende dei rapporti anglo - indiani e anglo - russi nei quali una Mano estranea e indipendente mutò il corso della storia. Il Governo Internazionale non ha mai celato la presenza dei propri inviati in molti paesi. E questi naturalmente, consoni con la dignità di quel Governo, non si sono mai nascosti. Al contrario, si mostrarono apertamente, visitarono vari stati, e molti li conobbero. La letteratura ne conserva i nomi, adornati con le fantasie dei contemporanei. Non si tratta di società segrete - tanto temute dai governi - ma di uomini in carne e ossa, inviati per decreto del Governo Internazionale Invisibile.

Qualsiasi atto disonesto è nemico delle imprese internazionali. Ma l’unità dei popoli, la rivalutazione del lavoro creativo, lo sviluppo della coscienza sono affermati dal Governo Internazionale come misure indifferibili. E chi sa distinguere i provvedimenti che esso adotta non l’accusa certo di essere inattivo.

Ripetutamente, sotto nomi diversi, è penetrato nella coscienza umana il fatto della sua esistenza. Ogni nazione viene avvertita, ma una volta sola. Gli inviati appaiono una volta ogni cent’anni: è questa la legge degli Arhat. Gli atti del Governo Invisibile si conformano all’evoluzione del mondo. All’origine delle loro conclusioni stanno dunque leggi matematiche esatte. Il desiderio personale non vi ha alcun ruolo, sono le leggi immutabili della materia. Io non desidero: Io so! E quindi la decisione, anche in mezzo a correnti turbolente, è sempre inflessibile.

Si può scalare il monte dal sud o dal nord, ma la salita non si può evitare.

33 - I fenomeni cui avete partecipato richiedevano calma. Oltre a questa, avrete notato la necessità di una certa tensione. Questo stato di cose ha creato un accumulo di energia, paragonabile a quello che si produce in un idrante. Sarebbe dunque più esatto dire che, affinché certi fenomeni si manifestino, occorre una calma satura.

34 - Durante la crescita della coscienza, l’ardore della lotta si focalizza proprio nel centro del plesso solare. Se oltrepassa certi limiti, la cosiddetta morte ignea è inevitabile. Una coscienza incolta può sopportarne gli effetti, ma per l’ascesa ulteriore il tesoro deve essere posto, temporaneamente, in una custodia sicura.

Ogni pensiero precipita un sedime sulle pareti dei condotti nervosi. Quanto più grande è il calore dell’impegno, tanto più ricchi di fosforo sono quei sedimi. E il solo luogo sufficientemente sicuro per quel combustibile è appunto il plesso solare, che gradualmente l’assorbe dai canali ausiliari. Talvolta ciò avviene in modo così violento da causare fitte dolorose, come stelle. Il Maestro allora deve applicare un raggio che raffreddi e agevoli il passaggio di quei sedimi dalle estremità al centro. È il processo di sviluppo della coscienza. Per cicli triennali si vede come la ricettività si acuisce. Questo stadio richiede che il tesoro sia custodito in uno scrigno, in vista di prossime spese propizie. Custodiamo la legge della vita, che sale di continuo, in bellezza e felicità.

35 - Quando si dice di qualcuno che è utile, non per questo si deve pensare che sia un pilastro dell’Insegnamento. Bisogna prendere le cose nella loro realtà, poiché esagerare è lo stesso che minimizzare. Non si deve trascinare nessuno verso il cielo a viva forza. All’ora stabilita il cieco riavrà la vista. È bene far notare una giusta misura di ordine nella vita, sì che il più umile comprenda la logica delle applicazioni tecniche ed eviti i rifiuti superflui. Ma non è necessario costringerlo a lavarsi. Notate l’efficienza di tutti i messaggeri e non imponete a un somaro il carico di un cammello.

36 - Ogni moto di coscienza deve procedere secondo la corrente evolutiva. Ogni fase di vita è da considerarsi inseparabile dalla perfezione. Una forma bloccata dal gelo può prestarsi a essere duplicata, ma la marea che sale non ripete una sola delle sue onde.

Sonno o veglia, lavoro o riposo, moto o quiete ci portano egualmente a eseguire il programma della vita. “Come foglie cadute”, dice il timido. “Come semi da spandere”, dice il saggio. “Come saette di luce”, pensa il coraggioso.

Chi è impaurito dallo strepito del torrente non è ancora nato in spirito. Chi si leva alto sull’onda può pensare ai mondi lontani.

37 - Rispondete solo quando siete certi che le vostre parole possono essere assorbite. Spesso chi domanda non prevede la risposta. Allora è necessario scoprire una consonanza, prima di deviare il pensiero in una nuova direzione. È errato credere che una corrente che tronca un pensiero sia meno pericolosa di un coltello che recide un’arteria. Non si deve intercettare il pensiero altrui, ma infondere nuovo sangue vitale nutrendo il sistema nervoso. Le risposte non devono essere come i chiodi di una bara, ma come il raggio del medico. Una risposta differita può assumere forma di consiglio.

38 - Chi vuole collaborare dimostri di saper comprendere. Dite al medico: “Si può dar prova di genialità prescrivendo muschio, valeriana e resina di cedro. Si può dimostrare acutezza di osservazione descrivendo il flusso della vita. Si può dar prova di costanza avanzando verso il Maestro senza dubbi né pregiudizi”.

Con le evidenze della vita si mostra la qualità dei propri conseguimenti. E ogni loro misura viene giudicata per quel che vale. Ogni ora porta nuove possibilità inalienabili. Un evidente privilegio può essere ricevuto in modo evidente; così legittimamente sono preparate le conquiste.

39 - È errato pensare che sia facile perdere qualcosa sulla Terra. Ma è ancora più difficile trovare. Una perdita presuppone un’acquisizione. E ogni guadagno si trascina dietro al possessore. A volte è impossibile liberarsi dai possessi, materiali e astratti. Quindi Noi consigliamo di accettare la proprietà con piena responsabilità nei suoi confronti. Ne emana una qualità elevata di oggetti e di pensieri. È gravoso trascinarsi dietro vecchi relitti corrosi.

Come guarire i pensieri ulcerosi di codardia e di tradimento? Non si può curare l’aura con balsamo di cedro. Quelle ulcere devono essere cauterizzate dalla fiamma di una scossa improvvisa e violenta, e occorre trovare il coraggio per sopportare il dolore. Ma come può il coraggio nascere dalla viltà? Il vile trema di paura, ma la paura è del tutto inammissibile per Noi.

Voi che accumulate proprietà: considerate la loro qualità.

40 - Il cieco sogna una ricompensa. Ma se acquistasse la vista stupirebbe vedendo che qualsiasi cosa è ricompensa a se stessa. Migliorando la coscienza l’uomo incede colmo di gioia, e il pensiero di un premio ne farebbe uno schiavo. In verità, molti sono gli schiavi. Sono tali quelli che vorrebbero nascondere il servilismo del loro spirito sotto una maschera gelida e impenetrabile, e con l’apparente rinuncia a ciò che non hanno. Chi accetta un premio è già uno schiavo. L’evoluzione si costruisce solo con la coscienza libera, senza orgoglio e senza disprezzo di sé.

Il martello dello spirito è l’arma più degna di successo.

41 - I ponti gettati fra le varie fasi della coscienza in espansione non dipendono dagli avvenimenti correnti. Non serve stare ad attendere una costellazione esteriore; il serpente del plesso solare agisce di per sé. Questo lavorio interno si accompagna solo a una particolare rispondenza alle condizioni atmosferiche. La densità dell’atmosfera complica infatti le funzioni del sistema nervoso. Quindi occorre calma, come rimedio.

42 - I medicamenti si possono suddividere in tre gruppi: vitalizzanti, preservatori e ricostituenti. Lasciamo ai medici il quarto gruppo: quello dei distruttori. Occupiamoci dei primi, in quanto agiscono soprattutto sul sistema nervoso. I centri nervosi e le secrezioni ghiandolari saranno il campo di ricerca della futura medicina: loro tramite, l’uomo troverà l’energia più sottile, che per semplicità continuiamo a chiamare spirito. La scoperta delle sue emanazioni è lo sviluppo che attende la cultura.

La metallizzazione introdotta nella coltura delle piante produrrà benefiche secrezioni delle radici. Quindi, ancora una volta, è necessario rivolgere l’attenzione al regno vegetale. Se poi studierete le proprietà nutritive delle verdure e dei cereali avrete molte sorprese. La mancanza di discernimento nella scelta della dieta umana è sbalorditiva. Parlo della qualità.

43 - L’allievo non deve lasciarsi ossessionare, e il Maestro non deve opprimere. È però richiesto di sapersi comportare secondo la realizzazione della Gerarchia e conciliare il libero arbitrio con l’accettazione del Maestro. L’intelligenza debole di solito ne resta confusa. Certo, condizioni e limiti contraddicono la libertà intesa nel senso comune. Ma con la cultura e con la vita vissuta degnamente prende forma il grande concetto del Maestro. Realizzarne l’importanza significa passare la prima porta dell’evoluzione. Ma non vi si devono introdurre preconcetti sovrannaturali. Il Maestro deve essere Colui che dà i consigli migliori. In questa concezione pratica stanno Conoscenza, Creazione e Infinito.

44 - Non dite: “Non ricordo”, ma: “Non ho osservato”. Non incolpate la memoria, ma la carenza di osservazione. Gli uomini cadrebbero dalle scale piuttosto che notarne i gradini.

Non dite: “Non so”, ma: “Non ho ancora imparato”. Né l’età, né la salute, né le condizioni della vita bastano a giustificare quel funereo “Non so”. Chi vive con coraggio ha sempre una gran voglia di apprendere.

Non dite: “Ho deciso”, ma: “Mi sembra degno del fine”. Migliorare la propria adeguatezza è facile, ma mutare le proprie decisioni non è nobile.

Soprattutto, non invocate continuamente l’infelicità, come tutti fanno.

45 - Bisogna proclamare con decisione che il Nuovo Mondo è nato. Gli uomini non sono preparati ad assumere i loro veri posti fra le mansioni del creato. È errore credere che l’usurpazione abbia una parte nella missione del Nuovo Mondo. Che riguardi la conquista di territori o una particolare classe sociale, essa appartiene al pensiero che tramonta. Nel processo evolutivo è da considerare solo quella ascensione della coscienza che basa sulla libera possibilità.

Fra le fasi dell’evoluzione umana si notano epoche in cui la coscienza s’impenna. Non nascondiamoci che proprio ora si apre all’Umanità un libro di scoperte e di audacia luminosa. Quel frutto, maturato dallo spinoso lavoro del collettivo, sta per scoppiare di semi. Chi potrebbe spaccarlo con la spada, calpestarlo con la paura o con la viltà servile, o usurparlo con astuto tradimento? Solo l’unità della coscienza e le costruzioni del sapere daranno agli uomini il dono di una nuova razza.

L’impeto necessario non verrà da manifestazioni cosmiche ma dalla corrente del pensiero.

Noi non lasceremo passare la data stabilita, quando i lampi del pensiero daranno la soluzione al mondo. Noi suggeriamo all’umanità non solo di pensare, ma anche di realizzare il momento astrochimico del pianeta, allorché il pensiero renderà l’atmosfera intensa come un composto chimico. In ogni caso, finché non si sia compresa l’importanza delle emanazioni mentali, il pensiero scivolerà via sulla fronte degli scettici. Ma il momento non aspetta!

46 - Da certi sintomi si possono distinguere i popoli che salgono e quelli che declinano. La nazione che inizia la propria ascesa sogna un eroe. Ma a quella decrepita tale idea pare inutile e fastidiosa. Fosse pure coperto d’oro, e il suo orgoglio veemente, la vittoria non è più per quel popolo. L’ardore del vero coraggio ha abbandonato la cittadella della ragione.

Tutti sanno di quei fanciulli che lasciarono la casa paterna in cerca della felicità; e le favole di tutti i tempi raccontano che la trovarono.

47 - Gli uomini non disdegnano di sognare mutamenti nelle funzioni principali dell’organismo. La concezione embrionale, la scomposizione della materia, l’imponderabilità dei corpi, la materializzazione volontaria e altre innovazioni fisiche vengono discusse anche in testi ortodossi. Si direbbe che l’orizzonte delle possibilità si debba espandere sin dalla prima infanzia e rafforzarsi nel laboratorio delle scienze esatte. Ma proprio qui sorge un ostacolo, eretto dall’imperfezione umana. L’ardito ricercatore devoto alla scienza esatta diviene un cittadino comune e ricalca le abitudini ataviche.

Abbiamo visto la fiamma rossa della rivolta ridursi a un fumo domestico. Abbiamo contato le bandiere della Luce ricucite e usate per segnare le tappe del pregiudizio. Abbiamo saputo di nobili e grandi edifici ridotti a pubblico mercato. La vile ignoranza ha tessuto la sua rete, pavida soprattutto di lasciare le sue sponde muffite e sparse di ossa marcite.

Lo studio dell’evoluzione insegna che la codardia umana si acutizza prima di un mutamento di razza. Ma l’epoca stabilita si approssima, e chi non avrà imparato a nuotare dovrà bere la sua parte di acqua salata.

Ma vedete con che balzi avanzano gli audaci.

48 - È necessario e urgente educare i pellegrini a comprendere l’Insegnamento. La più semplice miglioria introdotta nell’esistenza li aiuterà a percorrere la loro insolita strada. L’utilità li avvierà alla ricerca del bello. La vita stessa mostrerà loro quanto occorre per essere degni del fine. Una semplice spiegazione farà confidare nel successo.

Quanto più facile, tanto più rapidi, quanto più utile, tanto meglio si appresseranno.

L’ardimento dell’uomo senza vincoli non è un’astrazione. Il coraggio degli uccelli che passano il mare a volo è un grande esempio per l’umanità, anche se nessuno considera le rondini come eroi. In ogni caso, ventilate stanze e magazzini.

49 - Domanderanno: “Chi vi ha dato il diritto di osare?”. Rispondete: “Osiamo per diritto evolutivo, che sta scritto a fuoco nel nostro cuore. Non ci si può rifiutare la verità che l’ascesa è costante. Sia tra la folla che in solitudine sappiamo qual è il nostro diritto inalienabile. Possiamo affermare che solo il cieco non vede dove tende l’evoluzione. Ma quando la porta della conoscenza si profila con chiarezza, la lotta per uscire dalle tenebre non è difficile”.

Osare! È forse una conquista inaudita? O non è invece come il pasto quotidiano, come l’ornamento di ogni pensiero? Non diventano forse trasparenti le pareti della prigione? E il sigillo del segreto non si scioglie forse per chi osa?

Consigliandovi il coraggio, vi mostriamo la via più semplice. È una verità che il cuore conosce. Oggi non ve n’è altra.

Mostratevi coraggiosi!

50 - Quando mai gli uomini capiranno l’importanza del pensiero e della parola? È più grave secondo loro spandere un sacco di semi senza valore che pronunciare parole distruggenti. Un qualsiasi roditore basta a raccogliere quei semi, ma neppure un Arhat saprebbe annullare le conseguenze del pensiero e della parola. Quando partono per una traversata, gli uomini portano con sé solo oggetti selezionati; ma per quanto riguarda la parola non vogliono prestare attenzione né al senso né alle sue conseguenze. Noi non vogliamo minacciare, ma i loro polmoni sono pieni di fumo.

51 - È bene ricordare che il lavoro svolto con Noi ha una sola direzione: tende a essere commensurato e adatto al fine. Chi tradisce il sentiero è semplicemente privo di queste qualità, e il suo destino è quello di un gatto in mare.

52 - La parola pentimento non esiste in lingua Senzar. Al suo posto s’impiega un’espressione a voi familiare: cooperazione intelligente. Pensate all’ipocrisia insita nella definizione di pentimento. È molto semplice dimostrare la sua natura con un esempio dalla medicina. Con una distorsione del pensiero l’uomo ferisce il proprio fratello; ma né le parole né i pensieri bastano a guarirlo. Per risanare i tessuti lacerati occorreranno cure persistenti. Per tornare a essere degni del fine è necessario dar prova di saper cooperare con saggezza. La conseguenza dell’azione può essere curata solo con l’azione. Confessioni e giuramenti non servono a nulla.

Chi ha capito la propria follia può coprirla ragionando con senno. Con la cooperazione intelligente si può eliminarla.

Assolvere un peccatore pentito in cambio di denaro: non è questo il delitto più odioso? Questa corruttela del divino non è peggiore di qualsiasi forma di feticismo primitivo? Bisogna far luce su ogni aspetto di questo problema terribile. Altrimenti i panni umani resteranno gravemente macchiati.

53 - Torniamo alla serpe velenosa del dubbio. È di due specie: l’una sta raccolta nella tana, al buio, irsuta e immobile. L’altra striscia, slitta e ruota di continuo. Di solito la prima è della gioventù: l’altra, dell’età avanzata. Basano non tanto sulla paura, quanto sulla falsità della natura dell’uomo. Egli attribuisce questa qualità nel giudicare, ricordando le frodi commesse in passato. Anche se non è incline a esaminarsi, pure egli giudica secondo se stesso.

Afferrate per la coda il serpente del dubbio. Non lasciate che quei lacci maculati vi leghino i piedi. In verità è meglio portare una serpe in seno che essere strangolati dal “boa constrictor” del dubbio.

54 - Rivelate la coscienza del Nuovo Mondo. Rinunciate ai ricordi. Come potrebbe il cocchiere, che sprona i cavalli avanti, volgersi continuamente indietro?

55 - In verità non dividete il mondo in nord e sud, in est e ovest, ma in vecchio e Nuovo, dovunque. Il vecchio mondo è rintanato in tutte le parti della Terra. Ma il Nuovo nasce dappertutto, oltre tutte le barriere e le condizioni.

Il vecchio e il Nuovo mondo si distinguono per la coscienza, non per l’evidenza esterna. Età e circostanze non hanno importanza. Spesso le mani del vecchio mondo, cariche di pregiudizi, agitano bandiere rosse. Spesso un cuore pieno di lampi del Nuovo Mondo pulsa in solitudine. Il mondo si divide sotto i nostri occhi, senza scampo. La nuova coscienza cresce, inesperta ma audace. Nonostante la sua esperienza, il pensiero vecchio cede. Non c’è potere capace di arginare l’oceano del Nuovo Mondo. A Noi spiace vedere l’energia inutilmente sciupata dalla coscienza che muore. Noi sorridiamo a quei valori che affermano il diritto a nuove conquiste, più grandi. Ogni errore commesso per la causa del Nuovo Mondo si tramuta in un fiore di valore. Ma di ogni tentativo di imbalsamare abilmente il vecchio, non resta che uno scheletro d’orrore.

Il vecchio mondo ha ripudiato la gran Madre, ma il Nuovo già ne vede il velo rilucente.

56 - È opportuno rendersi conto del pericolo delle onde forzatamente sollevate negli strati inferiori dell’atmosfera. Una coscienza, se unilaterale, può determinare cataclismi inauditi. La collisione di onde sonore e luminose può causare gravi danni al cervello.

Dove dirigere la coscienza? Invero, verso la realtà dell’Infinito. Dagli strati grossolani della materia è tempo di passare alla ricerca delle energie più sottili.

57 - Ricordiamo la leggenda del Graal: Titurel, fedele all’Insegnamento, ebbe il potere della luce. Il suo successore, invece, immerso nelle tenebre, sanguinava da una ferita inguaribile. A ricordo dei giorni migliori si esposero le spoglie di Titurel; si ripeterono i detti di quel grande scomparso. Ciononostante il calice della Verità si spense. Fu necessario l’avvento di un nuovo eroe per riprenderlo all’indegno successore di Titurel. E allora il fuoco del mondo si riaccese. Questa è una leggenda ben nota in Occidente, ma la sua origine è orientale. Non ricorda certi eventi contemporanei?

58 - Si possono onorare gli eroi, ma ogni ora che passa porta il proprio giudizio. L’erosione di una parte della roccia mette in luce nuove vene aurifere.

Non demolite il tempio altrui se non sapete erigerne un altro nello stesso luogo. Il sito di un tempio non deve restare vacante.

Per descrivere le qualità divine, l’umanità ha inventato molti termini. Ogni concezione allunga la catena della conoscenza. Non esistono porte in Oriente sulle quali non si possa scrivere il Nome del Concetto Supremo. In verità non si penetra nelle regioni dell’Est senza sapere. Non dimentichiamo che l’Oriente ha inciso i suoi precetti sulla pietra.

59 - La lunghezza dell’Insegnamento è inversamente proporzionale all’espansione della coscienza. Quanto questa è maggiore, tanto più breve è la formula. Per chi è vicino basta una parola, o anche solo una sillaba. Il primo comando è come un tuono, l’ultimo è in silenzio!

60 - Com’è grande l’azione della Madre del Mondo! Chiama i figli dai campi lontani: “Venite! Voglio insegnarvi. Ho pronte per voi orecchie attente e occhi penetranti. Sedete sul Mio manto. Impariamo a elevarci!”.

61 - È vero che le emanazioni umane causano reazioni molteplici sull’ambiente. Convincenti sono quelle indotte su animali e vegetali. Date a un uomo un animale o una pianta e vedrete mutare le loro condizioni, se egli ne distrugge l’energia vitale. Come vampiro, il cavaliere può spossare il cavallo, il cacciatore il cane e il giardiniere le piante. La causa è da cercarsi nelle emanazioni umane.

Osservate e notate il decorso della malattia dello spirito. Le radici di ciò che appare fisicamente sono celate in accumuli remoti. Vi consiglio un contegno di freddezza con chi ha emanazioni malsane: è un trattamento che lo rinforza più presto. Non considerate questa terapia frigida come crudeltà, ché anzi Noi vi esortiamo ad aprire solleciti la porta a chiunque bussa.

62 - Sappiate che nel piano astrale si porta solo ciò che si è acquisito. L’ignoranza rimane qual è. Si riceve solo ciò che si è imparato a desiderare. È quasi impossibile conseguire colà nuove dimensioni di coscienza. Accumulatene quindi una riserva, che non vi tocchi andare coperti di stracci.

63 - Se incontrate ripetizioni nell’Insegnamento, è perché se ne devono scoprire nuovi dettagli, o insistere su un precetto non ancora ben praticato.

Ricordate che il prana può essere applicato con effetti benefici a un intero collettivo. Non solo lo si può usare per sé, ma per mezzo dell’energia psichica se ne può inviare una quota ad altri.

In tempi remoti il malato veniva attorniato da corpi sani, che ne nutrissero la forza: ma tale vampirismo non è consigliabile. Ben diversa invece è la trasmissione conscia, volontaria e benevola non solo a un singolo, ma a molti contemporaneamente, se lo si fa con senno. Un risultato notevole è raggiunto allorché si trasmette un beneficio materiale tramite l’energia psichica. Una sostanza ponderabile viene trasmessa da un’energia imponderabile. Non si tratta di suggestione, ma di un invio concreto.

64 - I Nostri Fratelli talora compaiono in persona con il volto velato. Potete essere certi allora che quella Figura è concentrata su un esperimento che esige una lunga fissità dell’occhio. Se invece è una figura di donna ad avere il volto velato, si riferisce alla Madre del Mondo.

65 - Se un uomo veramente semplice vi domandasse qual è lo scopo dell’Insegnamento, ditegli: “Farti vivere felice”. Non caricatelo di concetti troppo complessi. Lasciate che l’intero suo essere realizzi a fondo che tutto l’Insegnamento intende migliorare la sua esistenza. La responsabilità sarà compresa più tardi. Primo: proclamate la gioia e una vita migliore.

66 - Come rivelare l’evoluzione dei mondi a coloro cui persino il pane quotidiano è incerto? Evitate qualsiasi astrazione.

67 - Come si risveglia la devozione? Vivendo in modo degno del fine. Come si migliora la qualità? Venerando la maestria. Come si suscita la facoltà creativa? Desiderando la bellezza.

68 - Fatevi descrivere da un fanciullo il concetto che ha del Nuovo Mondo. Così potrete vedere come si realizza l’Invisibile. Ispirategli l’impulso a realizzare il suo sogno. È il più bel compito per i fanciulli. Chiedetegli poi di descrivere un frammento di granito. Ne sonderete le risorse. Forse quella pietra gli darà l’idea dei fortilizi nei mondi lontani. Dalle cose più usuali si possono cavare scintille di bellezza.

69 - Molte volte udrete ripetere: “Me n’ero andato, e sono tornato”. Sappiate rispondere: “Quante possibilità hai sciupato in tal modo!”. È incalcolabile ciò che gli uomini perdono per questi inutili andirivieni personali. Si allontanano orgogliosi e tornano pieni di sé. Queste grandi attività interiori ricordano il fumo del lucignolo. L’abilità che si dimostra nel nascondere la vera causa di quelle oscillazioni potrebbe essere usata con profitto per pulire il pavimento. Ma le vesciche sotto i piedi possono richiedere incisioni dolorose.

A chi si allontana, domandate: “Cosa ti ha offeso?”.

70 - Distinguete fra coscienza ed energia unilaterali. Il Maestro talvolta impiega un’energia di questo tipo per stimolare lo spirito in una direzione definita. Non se ne deve dedurre che la Sua coscienza sia uniforme.

Imparate a celare la coscienza quando è necessario scoccare una freccia. Solo l’ignorante espone alla finestra i rami secchi della sua pompa. Chi ha la casa ben fornita di conoscenza non teme di tagliare una fetta di pensiero.

Una semina omogenea dà un raccolto abbondante, ma più fruttuose ancora sono le combinazioni di grani curativi, che producono esplosioni dello spirito.

71 - È esatto considerare le correnti magnetiche come canali che connettono i pianeti. Lo studio dei rapporti reciproci fra i mondi deve procedere secondo i canali delle onde magnetiche. Ma non bisogna trascurare la coscienza spirituale.

72 - Avete finalmente appreso a gioire degli ostacoli? Possiamo confidare che ciò che sembra un intralcio moltiplichi invece le vostre risorse? Possiamo dire che siete dei conquistatori? Possiamo inviarvi la freccia del Nostro aiuto, certi che non mancherete di coglierla al volo? Possiamo pronunciare il verbo del Nuovo Mondo all’unisono con voi? Possiamo ritenere che per la bellezza del creato avete bruciato gli abiti vecchi e logori? Può la Madre del Mondo confidare che veglierete sul tessuto della Luce? Pu qjzsawea. pandora кольца онлайн il “Leone” accorrere in vostro soccorso? Può la Luce illuminarvi la via? La vittoria batte alla porta. E infine, sapete applicare l’Insegnamento a voi stessi? Possiamo confidare che porterete le insegne che vi abbiamo dato? Possiamo indirizzarvi il raggio che perfeziona? Possiamo garantire che sarete vigilanti? Possiamo costruire un bastione con la comprensione che avete del sé? Possiamo rallegrarci per la costanza del vostro passo? Può la Madre del Mondo chiamarvi giusti? Può il “Leone” montare la guardia alla vostra casa? Può la Luce rischiarare i nuovi passi? Spalancate le porte!

73 - Sapete che a 3500 metri d’altezza il corpo astrale acquista una qualità speciale. Allo stesso modo l’altitudine influisce su ciascuno dei corpi. Avrete notato che a quota 2000 si può ridurre la quantità del cibo e che questa esigenza cala gradualmente, finché a 5000 metri la differenza è notevole. Io sconsiglio l’uso di vino, caffè, pepe e altre spezie oltre i 2700 metri. Sopra i 5000, anche il the forte è nocivo. Con la quantità di cibo diminuisce pure la durata del sonno: non più di sei ore, e a 6000 metri non più di quattro. Da ciò si può dedurre che a grande altezza si possa quasi non dormire e che la dieta richieda principi diversi. È impossibile bere valeriana, come prescritto, con spezie. È sicuramente nocivo consumare a grande altezza la stessa quantità di cibo che in pianura. Le montagne sono importanti in quanto svincolano dalle condizioni terrestri inferiori. In alta montagna ci si sente liberi dalle esigenze terrene consuete. Se per il corpo astrale la quota dei 3500 metri è importante, ogni cinquecento metri anche il corpo fisico muta la sua condizione. Sarebbe errore irreparabile voler adattare artificialmente le condizioni proprie della montagna alle abitudini terrene. Ricordate e applicate.

74 - Qualsiasi involucro distorce la realtà. Si deve stare attenti a ridurre l’errore di percezione. Ogni evidenza, ogni riflesso, ogni pensiero, proiettano il loro colore illusorio.

75 - Noi ci attendiamo ogni sorta d’incesto spirituale. Gli uomini sono sempre disposti a mescolare elementi non combinabili fra loro. Un padre-fuoco con una figlia-acqua; una madre-terra con un figlio-aria. Non si curano se la progenie sarà incenerita; si limitano in tal caso a incolpare il Padre Celeste.

Non ci si può abituare alla vanità delle costruzioni umane. Solo la coscienza spirituale segnala quali combinazioni di elementi sono impossibili. Gli uomini si distinguono non solo dalle loro emanazioni, ma anche per l’essenza degli elementi, che non muta.

Proprio in rapporto agli elementi si ottengono le combinazioni migliori.

76 - Presto, presto, bisogna capire il Maestro! Circondiamolo di devozione, così saremo anche noi nella fortezza. Dopo avere peregrinato senza meta, si capisce che dove è il Maestro, è la vittoria, e dove sta la sconfitta sta il tradimento. Dove sta la sconfitta, lì ci curvammo a strappare la scritta che comanda di essere degni del fine. Nella sconfitta fuggimmo la freccia esperta dell’aiuto. Possiamo asserire che nell’ora del pericolo diremo il nome del Maestro? Siamo capaci di renderGli testimonianza? Sappiamo esultare di gratitudine per Lui? O pensiamo talvolta al perché l’Insegnamento poco si adatta alle nostre usanze? Perché turba la nostra pigrizia? Perché vogliamo giustificare il sonno?

Gratitudine e devozione fioriscono con gioia nella nostra Comunità. Se il Nostro telegrafo Ci avverte che un collaboratore ha sacrificato qualcosa in nome dell’Insegnamento, siamo costretti a rifiutare i suoi servigi. Chi lavora con Noi sa contenere e dare. Quando trasmetterete il Nostro Insegnamento, non gridatelo in piazza, ma ricevete sorridendo chi si avvicina. E questi l’accoglierà. Ma chi è preso in trappola morde i suoi lacci. Noi ci attendiamo gioia, e accettiamo solo il fiore mirabile della devozione. Affrettiamoci a capire il Maestro! Affermate la vittoria, affermate la comprensione dell’azione. Gettate via i pensieri del vecchio mondo. Non Mi stancherò di ripeterlo.

77 - I membri e i coadiutori del Governo Internazionale, come sapete, devono osservare i decreti. Ripensiamo per l’ultima volta a M. e rivediamo le conseguenze storiche del Nostro Ultimatum. La tradizione plurimillenaria di premonire l’umanità ogni secolo viene rispettata con perfetta benevolenza; questa è la condizione basilare. Altrimenti, il ruolo dell’inviato non sarebbe sincero né convincente. Saint Germain parlò a L. a fin di bene. In modo simile, M. si rivolse a V. e A.L.M. trasmise il Nostro Decreto. Lodo coloro che aiutarono i Nostri inviati con i loro pensieri concordi.


fascino di cane pandora

encantos de pandora baratos
Faigh pandora
pandora juveler
Categorie
  • Pandora Argento Liquido (16)
  • Pandora Bracciale (166)
  • Pandora Breast Cancer (4)
  • Pandora Catena Sicurezza (11)
  • Pandora Cherry Blosson (9)
  • Pandora Fascino Sets (61)
  • Pandora Fiaba (14)
  • Pandora Il Mio Primo Braccialetto (11)
  • Pandora Milano Negozio (29)
  • Pandora Pave (11)
  • Pandora Prezzi Bracciali (16)
  • Pandora Zodiaco Cinese (17)
Offerte Speciali
Pandoro Charms In The Night Garden Fascino Set Roma
Pandoro Charms In The Night Garden Fascino Set Roma
131,72€ 28,60€
Pandora Butterfly Prato Bracciale Nuova Collezione
Pandora Butterfly Prato Bracciale Nuova Collezione
152,19€ 37,51€
Pandora Zodiaco Cinese Rat Charm Outlet Bologna
Pandora Zodiaco Cinese Rat Charm Outlet Bologna
77,43€ 19,69€

Pandora Zodiaco Cinese

Un piccolo coniglio adorabile coniglietto perfetto per Pasqua, primavera o collezione PANDORA un giovane ragazze. Uno dei dodici segni dello zodiaco cinese, il coniglio è un rappresentante simbolo cinese di grazia, riflessivo, compassionevole e gentile.
Mostra: Lista / Griglia
Mostra:
Ordina Per:
Comparazione prodotto (0)
Pandora Alicia Bracciale Online Scontati
Pandora Alicia Bracciale Online Scontati
Pandora Alicia Bracciale Online Scontati* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio e co..
159,31€ 37,51€
Tasse: 37,51€
Pandora Collane Zodiaco Cinese Gallo Charm Store Locator
Pandora Collane Zodiaco Cinese Gallo Charm Store Locator
Pandora Collane Zodiaco Cinese Gallo Charm Store Locator* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24..
82,77€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Dalmata Bracciale Rivenditore Milano
Pandora Dalmata Bracciale Rivenditore Milano
Pandora Dalmata Bracciale Rivenditore Milano* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio ..
159,31€ 37,51€
Tasse: 37,51€
Pandora Gioielli Charmes Amore Fascino Unchained Set Nuova Collezione
Pandora Gioielli Charmes Amore Fascino Unchained Set Nuova Collezione
Pandora Gioielli Charmes Amore Fascino Unchained Set Nuova Collezione* 100% di vendita Pandora sito ..
106,80€ 29,50€
Tasse: 29,50€
Pandora Salice Bianco Bracciale Roma
Pandora Salice Bianco Bracciale Roma
Pandora Salice Bianco Bracciale Roma* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio e conseg..
146,85€ 37,51€
Tasse: 37,51€
Pandora Turista Charm Set Venezia
Pandora Turista Charm Set Venezia
Pandora Turista Charm Set Venezia* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio e consegna ..
150,41€ 37,51€
Tasse: 37,51€
Pandora Zodiaco Cinese Cane Charm Toscana
Pandora Zodiaco Cinese Cane Charm Toscana
Pandora Zodiaco Cinese Cane Charm Toscana* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio e c..
87,22€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Cavallo Charm Pizza
Pandora Zodiaco Cinese Cavallo Charm Pizza
Pandora Zodiaco Cinese Cavallo Charm Pizza* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio e ..
81,88€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Coniglio Charm Outlet Roma
Pandora Zodiaco Cinese Coniglio Charm Outlet Roma
Pandora Zodiaco Cinese Coniglio Charm Outlet Roma* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 serv..
87,22€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Dragon Dropper Charm Online Outlet
Pandora Zodiaco Cinese Dragon Dropper Charm Online Outlet
Pandora Zodiaco Cinese Dragon Dropper Charm Online Outlet* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 2..
81,88€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Monkey Charm Vendita On Line
Pandora Zodiaco Cinese Monkey Charm Vendita On Line
Pandora Zodiaco Cinese Monkey Charm Vendita On Line* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 se..
74,76€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Ox Charm Firenze
Pandora Zodiaco Cinese Ox Charm Firenze
Pandora Zodiaco Cinese Ox Charm Firenze* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio e con..
83,66€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Pecora Charm Milano
Pandora Zodiaco Cinese Pecora Charm Milano
Pandora Zodiaco Cinese Pecora Charm Milano* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio e ..
89,00€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Pig Charm Prezzi Milano
Pandora Zodiaco Cinese Pig Charm Prezzi Milano
Pandora Zodiaco Cinese Pig Charm Prezzi Milano* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizi..
90,78€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Rat Charm Outlet Bologna
Pandora Zodiaco Cinese Rat Charm Outlet Bologna
Pandora Zodiaco Cinese Rat Charm Outlet Bologna* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 serviz..
77,43€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Pandora Zodiaco Cinese Snake Charm Napoli
Pandora Zodiaco Cinese Snake Charm Napoli
Pandora Zodiaco Cinese Snake Charm Napoli* 100% di vendita Pandora sito ufficiale* 24/7 servizio e c..
83,66€ 19,69€
Tasse: 19,69€
Ultimi Arrivi
Pandora Tea Party Bracciale Negozio Roma
Pandora Tea Party Bracciale Negozio Roma
148,63€ 37,51€
Pandora I Heart London Nero Bracciale Qualita Garantita
Pandora I Heart London Nero Bracciale Qualita Garantita
139,73€ 37,51€
Pandora Cassy Bracciale Prezzi
Pandora Cassy Bracciale Prezzi
163,76€ 37,51€
Pandora Argento Segreto Favola Charm Set Bassi Prezzo
Pandora Argento Segreto Favola Charm Set Bassi Prezzo
162,87€ 37,51€


AFFRETTATI, MANCA POCO PER OTTENERE L'ESCLUSIVO BRACCIALE IN EDIZIONE LIMITATA

Perfeziona i risultati per:

Perfeziona i risultati per: Scegli

Charm

Categoria

  • Charms
  • Charm pendenti
  • Clip
  • Catenine di sicurezza
  • Distanziatori
  • Distanziatore bracciali rigidi aperti
  • Chiusure intercambiabili
  • Charm Disney
  • Charms PANDORA Rose
  • Charms Essence
  • Petite Memories
  • Kit Pulizia Gioielli
Perfeziona i risultati per: Scegli

Colore

  • Arancio
  • Beige
  • Bianco
  • Blu
  • Giallo
  • Grigio
  • Incolore
  • Marrone
  • Nero
  • Rosa
  • Rosso
  • Turchese
  • Verde
  • Viola

Materiale

  • Smalto
  • Vetro

Metallo

  • Argento
  • Bicolore
  • Oro
  • PANDORA Rose

Pietra

  • Altre pietre
  • Diamante
  • Nessuna pietra
  • Perla

Temi

  • Alfabeto
  • Amore
  • Animali
  • Christmas
  • Decorativi
  • Engraved
  • Famiglia & Amici
  • Family & Friends
  • Favole
  • Fiori
  • Glamour
  • Hobby & Lavoro
  • Natura
  • Ricorrenze & Auguri
  • Simboli
  • Viaggi

Prezzo

  • < €50
  • €50-99
  • €100-149
  • > €250

Charm Pendenti


Acquista i charm pendenti PANDORA, stupendi gioielli
rifiniti a mano. Scegli il charm che più si addice
al tuo stile e arricchisci il tuo bracciale.

  • Charms
  • Charm pendenti
  • Clip
  • Catenine di sicurezza
  • Distanziatori
  • Distanziatore bracciali rigidi aperti
  • Chiusure intercambiabili
  • Charm Disney
  • Charms PANDORA Rose
  • Charms Essence
  • Petite Memories
  • Kit Pulizia Gioielli
Filtra
Charm pendenti
791562NCK
Disney
Disney, Charm pendente Cerchietto di Minnie
Disney, Charm pendente Cerchietto di Minnie
€ 49,00
791461ENMX
Disney
Disney, Charm pendente Iconico Mickey Mouse
Disney, Charm pendente Iconico Mickey Mouse
€ 35,00
791441NCK
Disney
Disney, Charm Pendente Mickey Mouse & Minnie
Disney, Charm Pendente Mickey Mouse & Minnie
€ 69,00
791460ENMX
Disney
Disney, Charm pendente Iconica Minnie
Disney, Charm pendente Iconica Minnie
€ 35,00
791470CFL
Disney
Disney, Charm pendente Scarpetta Scintillante di Cenerentola
Disney, Charm pendente Scarpetta Scintillante di Cenerentola
€ 65,00
791576ENMX
Disney
Disney, Charm pendente Il Vestito di Belle
Disney, Charm pendente Il Vestito di Belle
€ 59,00
791578ENMX
Disney
Disney, Charm pendente Il Vestito di Cenerentola
Disney, Charm pendente Il Vestito di Cenerentola
€ 59,00
791285CZ
Charm con Pendente La Mia Dolce Mamma
Charm con Pendente La Mia Dolce Mamma
€ 59,00
791242CZ
Charm con Pendente Cuori Intrecciati
Charm con Pendente Cuori Intrecciati
€ 39,00
791200
Charm con Pendente Unicorno
Charm con Pendente Unicorno
€ 59,00

Perfeziona i risultati per:

Perfeziona i risultati per: Scegli

Charm

Categoria

  • Charms
  • Charm pendenti
  • Clip
  • Catenine di sicurezza
  • Distanziatori
  • Distanziatore bracciali rigidi aperti
  • Chiusure intercambiabili
  • Charm Disney
  • Charms PANDORA Rose
  • Charms Essence
  • Petite Memories
  • Kit Pulizia Gioielli
Perfeziona i risultati per: Scegli

Colore

  • Arancio
  • Beige
  • Bianco
  • Blu
  • Giallo
  • Grigio
  • Incolore
  • Marrone
  • Nero
  • Rosa
  • Rosso
  • Turchese
  • Verde
  • Viola

Materiale

  • Smalto
  • Vetro

Metallo

  • Argento
  • Bicolore
  • Oro
  • PANDORA Rose

Pietra

  • Altre pietre
  • Diamante
  • Nessuna pietra
  • Perla

Temi

  • Alfabeto
  • Amore
  • Animali
  • Christmas
  • Decorativi
  • Engraved
  • Famiglia & Amici
  • Family & Friends
  • Favole
  • Fiori
  • Glamour
  • Hobby & Lavoro
  • Natura
  • Ricorrenze & Auguri
  • Simboli
  • Viaggi

Prezzo

  • < €50
  • €50-99
  • €100-149
  • > €250